Image default
Parlano di noi

Popolazione virale

Tracciarla permette di capire l’origine dei vari focolai epidemici e di monitorare i nuovi ceppi del virus

Siamo un paese peculiare. Ci piace moltissimo interessarci di nuove varianti virali sui giornali e nei social, interrogarci sulle proprietà di questa o quella variante virale, ipotizzarne la circolazione in Italia e magari – come in Veneto – cercare di scaricare la responsabilità politica di scelte sbagliate sulla variante estera di turno. Ci infervoriamo sulla biologia e la trasmissibilità di questi virus, senza nemmeno avere i dati sperimentali a disposizione, ma spremendoci le meningi per interpretare ogni possibilità pur remota. Addirittura, ci accaloriamo in discussioni animate fra ricercatori, circa l’impatto epidemiologico che si potrebbe avere in Italia a causa dell’arrivo di questa o quella variante. Eppure, in Italia non facciamo l’unica cosa che davvero servirebbe, che è quella poi suggerita anche dall’Organizzazione mondiale della Sanità: organizzare una sorveglianza coordinata a livello nazionale, grazie alla quale una rete di laboratori ben strutturata possa fornire dati di sequenziamento genetico a ritmo sostenuto, come accade in altri paesi (Inghilterra in testa).

https://www.ilfoglio.it/scienza/2021/01/14/news/popolazione-virale-1678154/

Articoli correlati

Il presidente dell’Onb trascina in tribunale tre giovani biologi perché lo chiamano «no vax»

Redazione

Chi è davvero Giulio Tarro, il virologo anti-Burioni e De Luca. Tra titoli inventati e bufale.

Redazione

La protesta di tre studenti contro l’Ordine dei biologi e i convegni sull’omeopatia finisce in Tribunale.

Redazione

Questo sito, come tutti i siti web, utilizza i cookie. ACCETTA LEGGI L'INFORMATIVA