Image default
COVID-19 Opinioni

Quella volta che abbiamo parlato con Luca Telese di scienza e giornalismo

Aprile 2020, il lockdown italiano si è concluso da poche settimane. Il dibattito pubblico non si ferma. Nel marasma di informazioni il 20 Aprile compare sul TPI l’intervista al virologo Giulio Tarro a firma di Luca Telese. 

Il virologo Tarro a TPI: “Il lockdown non ha senso, il caldo e il plasma dei guariti possono fermare il Covid”

Intervista all’esperto di fama internazionale: “Il Coronavirus per diffondersi ha bisogno di spazi chiusi, scarsa ventilazione o sistemi di aria condizionata, temperature basse o umide. Il mare e la spiaggia sono l’esatto contrario di questo microclima propizio. Burioni? Mi diverte chi vuole dare lezioni dopo aver fatto errori come e più degli altri”

L’articolo, già dalle prime righe, tenta di contrapporre virologi che compaiono in tv: il sempre citato e intervistato da Fabio Fazio, Roberto Burioni e l’inascoltato e savio Giulio Tarro comparso a Porta a PortaGiulio Tarro  medico in pensione del quale diversi articoli hanno cercato di tracciarne il percorso scientifico sia prima della comparsa del Sars-CoV-2, sia dopo con la sua ospitata da Giletti a “Non è l’Arena”.

 

Chi è davvero Giulio Tarro, il virologo anti-Burioni e De Luca. Tra titoli inventati e bufale.

 

Il 23 aprile la SIICAL (Società Italiana di Immunologia Clinica e Allergologa) pubblica un comunicato sulla continua presenza di Tarro in tv e giornali. Scrivendo:

tarro, pur “allievo” dello scienziato albert bruce sabin (che ha sviluppato uno dei vaccini contro il virus della poliomielite), e con cui ha condiviso quattro lavori scientifici all’inizio degli anni 70, ha pubblicato 68 lavori scientifici, molti dei quali su riviste italiane non “peer- reviewed”, con un totale di 447 citazioni e un indice di hirsch di 10. questi indici bibliometrici sono appropriati per un ricercatore all’inizio del suo percorso scientifico, non certo per un senior autoproclamatosi candidato al nobel.

Con semplici verifiche avrebbe anche appreso che Giulio Tarro, negli anni recenti, ha partecipato solo a quelle che nella letteratura scientifica internazionale sono definite “predatory conferences” e ha ricevuto “predatory prizes”, l’equivalente insomma delle “fake news” in rete. Avrebbe anche appreso che Tarro ha sostenuto cure senza fondamento scientifico.

Il 24 Aprile ci accorgiamo dell’articolo di Telese e tentiamo di aprire una discussione seria su Twitter con il giornalista. Nessuno vuole impedirgli di fare il suo lavoro, cerchiamo di evidenziare un errore palese: Tarro, nel 2020, non è un esperto internazionale e (soprattutto) le sue affermazioni sono opinioni personali non supportate da dati. 

Ottenendo come risposta.

Proviamo quindi a essere ancora più chiari. Ad aggiungersi alle nostre critiche c’è anche Maurizio Scaltriti. 

Ma Telese non ne vuole sapere. E sferra i suoi contrattacchi. Chi siete voi per giudicare Tarro? Finché…

Ahia Telese. Forse le nostre critiche non erano così campate per aria. Non importa se poi ci hai chiamato “biologi della cippa”, dopo una figura del genere ti perdoniamo tutto. 

 

 

Articoli correlati

Vaccini e varianti

Biologi per la Scienza

Caro guarito dalla Covid19, la tua testimonianza non conta un cazzo.

Biologi per la Scienza

L’efficacia dei vaccini

Biologi per la Scienza

Questo sito, come tutti i siti web, utilizza i cookie. ACCETTA LEGGI L'INFORMATIVA