Image default
Opinioni

Le librerie propagano pseudoscienza?

Quando parliamo dei cialtroni che maltrattano il metodo scientifico non lo facciamo perché la cosa ci diverta eccessivamente.

Dietro a ogni personaggio che propaga pseudoscienza c’è un business più o meno grosso. A volte il business è legato all’ignoranza a volte, nelle peggiori delle volte, alla disperazione.

Un chiaro esempio è questo libro scritto nel 2012: “Autismo oltre alla disperazione l’omeopatia ha la risposta.” L’autore tale Tinus Smits medico omeopata racconta – come nei più bei libri fantasy – fantomatiche guarigioni da autismo tramite l’omeopatia.

Ma

1) L’autismo è un disturbo del neuro-sviluppo, complesso, eterogeneo.
2) L’omeopatia non ha basi scientifiche ed equivale a una danza sotto alla pioggia per far spuntare il sole il mattino dopo.

Lasciando stare chi il libro l’ha stampato, non è il primo del catalogo e verrebbe da dire che la pseudoscienza è il core business della casa editrice. È normale che i principali store online di libri italiani abbiano nel catalogo, ancora oggi nel 2020, un libro che propaga fesserie come la cura dell’autismo con l’omeopatia?

Articoli correlati

3 domande che abbiamo fatto al Codacons (senza ottenere risposta)

Biologi per la Scienza

Oroscopo 2021

Biologi per la Scienza

Perché le case farmaceutiche non producono abbastanza vaccini? È colpa dei brevetti?

Biologi per la Scienza

Questo sito, come tutti i siti web, utilizza i cookie. ACCETTA LEGGI L'INFORMATIVA